• msmariasqueo

Regole del galateo SI o regole del galateo No? Scopri se seguirle o meno

Aggiornato il: mar 6


Ciao e benvenuta nel mio mondo!


Almeno una buona parte delle aspiranti Spose seguono le regole del galateo in merito alla scelta dell'Abito da Sposa, le altre aspiranti Spose credono di seguirle perché si fidano delle linee guida standard fornite loro dall’atelier in cui acquistano l’abito.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Per cui alcune aspiranti Spose s’informano, si aggiornano e studiano vario materiale per conoscere cosa dice il galateo in materia di Abito da Sposa mentre altre si fidano di consigli generici uguali per tutti.


Ora la domanda è semplice, tu a quale di queste aspiranti Spose appartieni?


Appartieni a quelle di aspiranti Spose intraprendenti, ambiziose, astute e moderne che amano mettere le mani in pasta e fare le cose in modo autonomo ma perfetto, proprio come vere Regine del Si?

Quindi, tu fai parte di quelle donne le quali vogliono organizzare le loro Nozze perfette e vogliono scoprire le regole del galateo in merito alla scelta dell’Abito da Sposa?


Oppure appartieni a quelle che si fidano di consigli standard dati al volo dal personale dell’atelier in cui si acquistano gli abiti da Sposa?


Devi sapere che per oltre 15 anni, in qualità di Wedding Supervisor & Designer, ho lavorato a fianco di coppie aiutandole a realizzare il loro sogno d’amore, con il delicato compito di aiutarle a progettare organizzare Nozze Perfette.


Ed ora sono qua perché ho deciso di intraprendere una mission importante ossia guidare le aspiranti Spose intraprendenti e indipendenti ad organizzare e progettare in totale autonomia e sicurezza un’esperienza Nozze Perfetta.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

In questo caso il mio obiettivo è quello di fornirti quelle che sono le regole basilari del galateo in merito alla scelta dell’Abito da Sposa affinché tu possa sentirti bellissima e impeccabile, come una vera Regina, quando raggiungerai l’altare e dirai Si all’amore della tua vita.


Probabilmente in questo momento ti stai chiedendo:

“ma quali sono queste regole del galateo di cui devo tener conto per scegliere il mio Abito da Sposa perfetto?”


Intanto, partiamo dal presupposto che conoscere le regole basilari del galateo in merito alla scelta dell’Abito da Sposa, ti farà sentire più sicura e capace di interagire al meglio con chi ti confeziona o vende l'Abito da Sposa.


Poi, tieni presente che in base alla categoria stilistica a cui appartieni in quanto donna, ossia se tu sei una donna:

  • romantica

  • classica

  • elegante

  • essenziale

  • tradizionale

  • moderna

hai la necessità di scegliere il tuo Abito da Sposa Perfetto.

E come puoi fare a scegliere da sola il tuo Abito da Sposa, mi chiederai?

Senza dubbio è necessario, da parte tua eseguire una accurata ed attenta selezione di atelier specializzati visto che stai per scegliere l’Abito più importante della tua vita e non un abito qualsiasi.


In seguito, una volta scelto l’atelier al quale intendi affidarti, ovviamente fai tesoro dei consigli che ti offre, però evita di essere passiva, dunque impegnati a valutare ogni consiglio in modo cosciente e consapevole per comprendere se fanno per te, se in pratica sono adatti al tuo caso specifico o meno.


Ecco perché io sono qui, proprio per offrirti gli strumenti giusti in grado di aiutarti a capire cosa ti serve davvero.


Dunque, da dove partire?


Innanzitutto, è necessario che tu prenda in esame i 6 fattori fondamentali del tuo evento Nozze.


Fattore 1

il tipo di Matrimonio che hai scelto, civile, canonico o concordatario


Fattore 2

il luogo della Cerimonia, chiesa, comune o altro


Fattore 3

la stagione in cui ti sposi, autunno, inverno, primavera oppure estate


Fattore 4

il luogo del Banchetto, villa privata, masseria, castello, sala ricevimenti o altro


Fattore 5

le tue caratteristiche fisiche, morfologiche, stilistiche e colorimetriche che fanno risaltare la tua bellezza naturale


Fattore 6

la tua personalità, il tuo carattere, nonché i tuoi desideri, i tuoi sogni, le tue esigenze e le tue possibilità.


Infine, devi ricordare le regole di abbigliamento basilari dettate dal galateo le quali ti suggeriscono di vestire assecondando il tono delle Nozze.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Benissimo, adesso ti svelo quali sono queste regole di abbigliamento, in merito alla scelta dell’Abito da Sposa, dettate dal galateo.


La prima regola del galateo alla quale devi prestare attenzione dice che se il giorno di Nozze ha un tono formale, lo Sposo indossa il Tight, vale a dire l'abito da cerimonia diurno di più alto livello, (per scoprire cos’è il Tight, come nasce quali sono i suoi componenti e quando si indossa puoi leggere qui nel mio blog l'articolo che ho dedicato proprio a questo abito maschile per eccellenza) mentre la Sposa veste in abito lungo con lo strascico e il velo anch'esso lungo.


Le scarpe devono avere la stessa sfumatura di bianco del vestito ed essere acquistate tenendo conto dell'altezza dello Sposo, per evitare scene ridicole ed imbarazzanti.


Anche la borsa è da evitare, sono invece ammessi i guanti pur che si tolgano prima dell'inizio della cerimonia.


Mi raccomando fai attenzione, se lo Sposo indossa il Tight assicurati che lo indossino anche:

  • i padri degli Sposi

  • i fratelli

  • i testimoni

  • i cavalieri d’onore

Invece, se il giorno di Nozze è in stile classico, in tono minore e lo Sposo rifiuta d’indossare il Tight, la Sposa, sempre secondo il galateo, veste l’abito corto ed anche il velo si accorcerà fino alle spalle.


Attenta bene il galateo detta che si dia grande attenzione al velo.


Infatti, per il galateo il velo è un accessorio fondamentale ed esige di essere studiato con cura.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

La ragione per cui il galateo considera il velo come un accessorio fondamentale dell’Abito da Sposa è da ricercare nel significato che nell’antichità veniva attribuito al velo indossato dalla Sposa.


Adesso ti starai chiedendo: "ma cosa ne so io del significato che in origine veniva dato al velo?

E come mai sapere le origini del velo può influire sulla scelta del mio Abito da Sposa?

In fondo a me serve conoscere solo le regole base del galateo in modo da poter gestire con sicurezza la scelta del mio Abito da Sposa."


Attenta perché scegliere un Abito da Sposa secondo le regole del galateo non è così facile se non conosci anche le regole che riguardano i suoi accessori, sarebbe un po' come indossare le scarpe chiuse senza le calze.

Ho reso l’idea?


Come faresti ad essere splendida e perfetta nel tuo Abito da Sposa senza conoscere tutti gli elementi accessori in grado di valorizzare e impreziosire al massimo il tuo abito e quindi te in quanto donna e Sposa?


Ragion per cui, adesso ti rivelo le origini del velo da Sposa così puoi comprendere velocemente perché il galateo considera il velo come un accessorio fondamentale dell’Abito da Sposa.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Devi sapere che in origine il velo aveva uno scopo ben preciso, esso nei periodi in cui i Matrimoni venivano imposti e concordati dalle famiglie, serviva a celare il volto della Sposa.


All'epoca il volto della Sposa si copriva con veli pesantissimi e lo Sposo poteva scoprirla solo dopo il Matrimonio, da ciò deriva la regola del galateo secondo cui il velo della Sposa va alzato solo dopo la celebrazione del Matrimonio e non prima.


In seguito nel XIX secolo precisamente nel 1854 quando la Chiesa cattolica ha riconosciuto il dogma dell'Immacolata Concezione ed il colore bianco ha assunto il significato di purezza, il velo è stato considerato simbolo di verginità.


Da allora l'uso del velo si è diffuso in tutto il mondo e ancora oggi è diventato l’accessorio più caratterizzante dell’Abito da Sposa.


Non a caso si usa realizzarlo in mille modi diversi anche per donare un tocco di esclusività all’Abito da Sposa, infatti è possibile confezionarlo impiegando tessuti quali tulle, organza, chiffon, seta e pizzo.


A proposito del pizzo devi sapere che esistono in commercio pizzi spettacolari con cui vengono confezionati veli preziosissimi, di rara bellezza come ad esempio i pizzi spagnoli o francesi.


Di pregio sono anche i pizzi italiani interamente costruiti a mano, molto belli sono i veli rifiniti con perle, esistono pizzi addirittura cuciti con filo in oro e rifiniti con brillanti.


Un'antica tradizione vuole che le donne, in genere di nobili natali, ma non solo, tramandino alle giovani Spose della famiglia, come fossero gioielli, i loro veli realizzati con pizzi meravigliosi e antichi, insomma i veli sono delle vere e proprie eredità!


In ogni modo, la regola base da considerare in merito al velo è che esso “accompagna l’abito".


Significa che il velo, anche se considerato importante come accessorio, è pur sempre un accessorio, quindi deve ritenersi secondario rispetto all'Abito, deve completare, accompagnare l'Abito senza appesantirlo ed essere in sintonia con esso nel colore e nello stile.


Ti faccio un esempio, se l’Abito è realizzato in pizzo è ideale indossare un velo confezionato con un materiale differente rispetto a quello dell’abito, al fine di evitare di appesantire la figura della Sposa e offuscare la bellezza dell’Abito stesso.


Solitamente nei Matrimoni reali il velo viene fissato su corone tempestate da pietre preziose e, prendendo spunto proprio da questa tradizione reale, in relazione al fatto che considero ogni giovane Sposa come la Regina del suo fatidico Si, di solito suggerisco di fermare il velo su tiare oppure su coroncine di fiori.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Come ho già detto il velo di norma va indossato durante tutta la Cerimonia di Nozze, anche se oggi è di uso comune che lo Sposo o il padre della Sposa, lo sollevino nel momento dell’incontro degli Sposi davanti all’altare.


Ripeto il galateo vuole che il velo si sollevi solo dopo la Cerimonia di Nozze e non prima perché, come ho detto, questa regola deriva dal rituale di svelamento in uso nell'antica Roma (trovi il rituale dello svelamento nel mio articolo dedicato alla storia del giorno delle Nozze).


In definitiva: “regole di galateo si, oppure regole di galateo no, da adottare nella scelta del tuo Abito da Sposa?”


Ebbene devi prendere in seria considerazione il fatto che il galateo possiede regole inflessibili ma solo per coloro i quali pretendono un certo tono per il proprio Matrimonio.


Quindi tutto dipende da te dalle tue reali intenzioni, da ciò che sogni e da cosa vuoi realizzare per il tuo giorno di Nozze; ogni cosa dipende dal tono del giorno delle tue Nozze.


Altresì il galateo consente di dare sfogo al buon gusto, al buon senso, alla sobrietà, per cui si adatta tranquillamente ai nostri tempi, alla modernità, tende ad adeguarsi soprattutto alle reali esigenze degli aspiranti Sposi, nonché alle loro aspirazioni, ai loro sogni, ai loro desideri e alle loro reali possibilità economiche.


In buona sostanza, più di ogni altra indicazione il galateo odierno vuole che tutti gli aspiranti Sposi, rispettino la regola madre di tutte le regole, detta regola esige che gli aspiranti Sposi siano felici e realizzino il loro sogno d’amore in grande Stile.


In definitiva progetta, organizza e vivi il tuo giorno di Nozze con la massima serenità e quando scegli il tuo Abito da Sposa ricordati che la tua felicità arriva prima di tutto il resto.


Sei tu la Regina del tuo Si e nessuna/o deve prendere il tuo posto!


Pertanto, se vuoi essere la perfetta organizzatrice del tuo Si, oltre ad essere la Sposa Perfetta che si dirige sicura e felice verso l’altare come hai sempre sognato, sappi che nel mio ultimo libro “3 modi per organizzare Nozze nel 21° secolo” scoprirai tutti i segreti che caratterizzano i modi, quindi le soluzioni alle quali ogni aspirante Sposa può accedere per organizzare e vivere Nozze in questo 21° secolo.

Nel libro potrai valutare quale di questi 3 modi è più sicuro, pratico, semplice e soprattutto adatto a te e alle tue esigenze di aspirante Sposa, a prescindere dalle risorse economiche e temporali che hai a disposizione per organizzare e vivere il tuo sogno d’amore.


Tra le pagine del libro troverai anche diverse storie di aspiranti Spose che hanno deciso di applicare questi modi per organizzare e vivere Nozze perfette oggi, oltre a chiarire una volta per tutte ciò0 che ognuno di questi 3 modi può o non può fare per le tue Nozze in questo 21° secolo.


Ovviamente, ti consiglio di leggere il libro, soprattutto se vuoi orientarti al meglio tra le diverse soluzioni proposte sul mercato, a partire dalle Wedding Specialist come Wedding Planner e Designer, fino alle Wedding App come guide, diari, blog ecc. fino ad arrivare ai Programmi Wedding italiani.


In più, se sei una di quelle aspiranti Spose intraprendenti, ambiziose, astute e moderne che amano mettere le mani in pasta e fare le cose in modo autonomo ma perfetto, se entri in possesso del libro, avrai la possibilità di entrare gratis il primo mese nel mio Club on line Regine del Wedding.


Nel Club troverai tutti gli strumenti e le procedure pratiche professionali, riadattate per te, allo scopo di trasformarti a tutti gli effetti nella Regina indiscussa del tuo Si, troverai anche i template, le schede e i modelli per realizzare le Partecipazioni di Nozze, gli inviti, i libretti messa, il copione della cerimonia e tanto altro.

Troverai anche la guida pratica al Progetto Nozze in cui puoi scoprire:

  • come si realizza da zero il Progetto di Design delle Nozze

  • cos'è davvero il Progetto Nozze

  • a cosa serve

  • quali sono le risorse del Progetto Nozze

  • quali sono le sezioni che lo compongono

  • come si crea l'intero Progetto Nozze, partendo da zero.

Troverai anche altre guide, come quelle dedicate ai Fiori, alle scenografie e agli allestimenti floreali per la cerimonia di Nozze in chiesa.


Un abbraccio favoloso.

Maria


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti