• msmariasqueo

Le origini del Matrimonio

Aggiornato il: mar 6


Ciao e benvenuta nel mio mondo!


Presto ti sposerai, hai già scelto:

  • l'abito dei tuoi sogni

  • il luogo in cui si svolgerà il banchetto di Nozze

  • la tua damigella d'onore

  • gli inviti e le partecipazioni.

Provi una forte gioia, sei euforica, non vedi l'ora di arrivare all'altare e dire Si all'amore della tua vita.


Insomma, non vedi l'ora che arrivi il giorno del tuo Matrimonio, vero?


Matrimonio, che bella parola, e com'è bello pronunciarla!

Soprattutto è bello pensare che è stata pronunciata da milioni di donne prima di te e che, come te, avevano tutte lo stesso sogno, quello di sposare l'amore della loro vita.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Peccato però che in passato la maggior parte delle donne non si sentivano come ti senti tu adesso,

ossia gioiosa, felice e talmente euforica che ti sembra di toccare il cielo con un dito.


Peccato che, a differenza di quanto accade oggi, in passato la maggior parte delle donne fossero costrette a sposarsi.


Addirittura avevano paura di sposarsi.


Avevano paura perché erano costrette ad unirsi in Matrimonio con uomini che, il più delle volte, non avevano mai visto.


Difatti, erano rare come le mosche bianche le donne libere di scegliere chi sposare o quelle che si sposavano per amore.


La normalità vedeva le giovani donne costrette, dai loro padri, a prendere marito per assicurare la discendenza e salvaguardare interessi della famiglia.


Ciò significa che purtroppo, in passato, la maggior parte dei Matrimoni erano infelici e privi d'amore, perché erano combinati dalle famiglie degli Sposi, tuttavia la cerimonia di Nozze veniva festeggiata sempre in grande stile e pubblicamente, allo scopo di testimoniare il consenso del padre della Sposa alle Nozze di sua figlia.


E come mai era necessario che si manifestasse pubblicamente il consenso del padre della Sposa alle Nozze?

Ebbene, pazienta un attimo e continua a leggere perché stai per scoprirlo, nel dettaglio stai per scoprire:

  • le origini del Matrimonio

  • le origini dell'iter di Nozze, dal consenso alle Nozze, alla promessa di Nozze

  • le origini dell'anello nuziale

  • il significato del velo da sposa

  • le origini della cerimonia di Nozze

  • le origini del banchetto di Nozze

  • le origini del corteo di Nozze

  • il modo in cui le donne greche vivevano le Nozze nell'antichità

  • il modo in cui le donne romane vivevano le Nozze nell'antichità.

Insomma, stai per scoprire qualcosa di sorprendente ed unico, ovvero:

  • come la cerimonia di Nozze affondi le sue radici nell'antichità

  • come la cerimonia di Nozze, che ti appresti a vivere, sia ricca di simboli e tradizioni importate dal passato ed arrivate per direttissima fino ai giorni. Tradizioni che se conosciute al meglio possono farti vivere oggi un'esperienza Nozze straordinaria.

Stai per scoprire come nasce il Matrimonio e la cerimonia di Nozze.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

In pratica, tra poco tu saprai perfettamente qual'è il significato di ogni singola tradizione, gesto, uso, abitudine e costume che stai per mettere in atto in occasione del tuo Matrimonio e di cui è ricca la tua cerimonia di Nozze.


A differenza delle altre aspiranti Spose, le quali subiscono passivamente l'organizzazione e i meravigliosi dettagli di cui è composta l'esperienza Nozze, perché impostata da terze parti, fornitori amici e parenti, i quali hanno limiti e interessi molto diversi dai tuoi, tu sarai in grado di vivere e goderti a pieni polmoni il giorno più importante e solenne della tua vita, perché ne sarai l'assoluta protagonista, l'indiscutibile Regina del tuo fatidico SI!


In altre parole, sarai perfettamente consapevole del significato di ogni minuscolo gesto che tu ed il tuo futuro Sposo farete nel corso della vostra cerimonia di Nozze.

Senza contare che, in tal modo, ogni vostra singola scelta sarà stilisticamente ed emozionalmente perfetta.

Or bene, passiamo al sodo, sei pronta a scoprire le origini del Matrimonio?


Le origini del Matrimonio


L'origine del Matrimonio risalirebbe a 4 mila anni fa al tempo dei babilonesi, le documentazioni non sono proprio chiare ma è certo che a quei tempi fosse già in uso una forma di contratto che sanciva l'unione di un uomo e una donna.


Le fonti storiche riferiscono che sin dai popoli più primitivi si usava il rito del Matrimonio per riconoscere socialmente il legame tra due individui.


Il codice di Hammurabi (1792-1750 a.C.), ovvero una delle più antiche testimonianze dell'origine del Matrimonio, riporta che il Matrimonio si riteneva valido nel caso in cui fosse presente un contratto d'acquisto scritto, dove per acquisto s'intendeva l'acquisto della moglie da parte del marito.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Inoltre, testimonia che nelle diverse società e culture esistevano vari tipi di Matrimonio, ovvero:

  • la monogamia

  • la poligamia

  • la poliandria.

Il codice di Hammurabi attesta che la poligamia era consentita solo se la prima moglie era sterile, mentre come tutti sappiamo nell'antico Egitto la poligamia era molto in uso nelle caste più elevate.


Alcuni testi di Aristotele (384-322 a.C.) riportano che l'età giusta per sposarsi era di 37 anni per gli uomini e 18 per le donne, mentre la storia dell'antica Roma attesta che gli uomini prendevano moglie a circa 30 anni e l'età della donna andava intorno ai 14-16 anni.


La storia, già a partire dall'antica Grecia, così come anche nell'antica Roma, documenta il Matrimonio come un'unione legale tra le parti, parti che però non godevano degli stessi diritti.


Le parti non godevano degli stessi diritti perché la donna essendo quasi sempre considerata subalterna dell'uomo, per non dire di proprietà dell'uomo, era sottomessa all'uomo, prima al padre e poi al marito.


La donna era priva degli stessi diritti dell'uomo, infatti: “le parti non godevano degli stessi diritti dell'uomo” significa che le parti dell'unione legale non erano nemmeno due, in quanto si escludeva la donna e l'unione legale veniva decisa solo dall'uomo.


In pratica, nell'antica Grecia il Matrimonio avveniva solo dopo che il padre della Sposa e lo Sposo istituivano un contratto, con cui la Sposa veniva promessa al suo futuro marito.


Tale contratto era considerato valido solo se, dopo la consegna della promessa Sposa al futuro marito, i due Sposi iniziavano la loro convivenza di vita insieme e nel caso in cui si verificava la mancata convivenza degli Sposi, il Matrimonio non sussisteva.


Il Matrimonio addirittura s'interrompeva, cioè cessava di esistere anche nei seguenti 4 casi:


Caso 1

se pur essendo iniziata, la convivenza, questa non era continuativa


Caso 2

se la moglie abbandonava il marito e non aveva più intenzione di tornare a vivere con lui


Caso 3

se il marito rimandava la propria moglie a casa sua, dai propri genitori


Caso 4

se il padre della Sposa, o chi ne possedeva l'autorità, imponeva alla figlia di separarsi dal proprio marito.


Per affermare la legittimità del Matrimonio in Grecia si usava festeggiare le Nozze rendendole note a tutti in tal modo si attestava il consenso del padre al Matrimonio della propria figlia.


Solitamente ad Atene si usava festeggiare il Matrimonio in inverno e nel periodo di luna piena.


Si preferiva il mese di gennaio appunto chiamato mese delle Nozze, perché in Grecia, il nostro mese di gennaio era Gamelione da gàmos, cioè Nozze, era il settimo mese dell'anno ateniese dedicato ad Era, dea

del Matrimonio.


Maria Squeo Wedding Supervisor & Designer

Ma come si svolgeva la Cerimonia di Nozze nell'antica Grecia?


Te lo rivelo nell'articolo che trovi QUI.


Intanto, se vuoi essere la perfetta organizzatrice del tuo Si, oltre ad essere la Sposa Perfetta che si dirige sicura e felice verso l’altare come hai sempre sognato, sappi che nel mio ultimo libro “3 modi per organizzare Nozze nel 21° secolo” scoprirai tutti i segreti che caratterizzano i modi, quindi le soluzioni alle quali ogni aspirante Sposa può accedere per organizzare e vivere Nozze in questo 21° secolo.

Nel libro potrai valutare quale di questi 3 modi è più sicuro, pratico, semplice e soprattutto adatto a te e alle tue esigenze di aspirante Sposa, a prescindere dalle risorse economiche e temporali che hai a disposizione per organizzare e vivere il tuo sogno d’amore.


Tra le pagine del libro troverai anche diverse storie di aspiranti Spose che hanno deciso di applicare questi modi per organizzare e vivere Nozze perfette oggi, oltre a chiarire una volta per tutte ciò0 che ognuno di questi 3 modi può o non può fare per le tue Nozze in questo 21° secolo.


Ovviamente, ti consiglio di leggere il libro, soprattutto se vuoi orientarti al meglio tra le diverse soluzioni proposte sul mercato, a partire dalle Wedding Specialist come Wedding Planner e Designer, fino alle Wedding App come guide, diari, blog ecc. fino ad arrivare ai Programmi Wedding italiani.


In più, se sei una di quelle aspiranti Spose intraprendenti, ambiziose, astute e moderne che amano mettere le mani in pasta e fare le cose in modo autonomo ma perfetto, se entri in possesso del libro, avrai la possibilità di entrare gratis il primo mese nel mio Club on line Regine del Wedding.


Nel Club troverai tutti gli strumenti e le procedure pratiche professionali, riadattate per te, allo scopo di trasformarti a tutti gli effetti nella Regina indiscussa del tuo Si, troverai anche i template, le schede e i modelli per realizzare le Partecipazioni di Nozze, gli inviti, i libretti messa, il copione della cerimonia e tanto altro.

Troverai anche la guida pratica al Progetto Nozze in cui puoi scoprire:

  • come si realizza da zero il Progetto di Design delle Nozze

  • cos'è davvero il Progetto Nozze

  • a cosa serve

  • quali sono le risorse del Progetto Nozze

  • quali sono le sezioni che lo compongono

  • come si crea l'intero Progetto Nozze, partendo da zero.

Troverai anche altre guide, come quelle dedicate ai Fiori, alle scenografie e agli allestimenti floreali per la cerimonia di Nozze in chiesa.


Un abbraccio favoloso.

Maria


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti